Giuseppe Penone: opere e luce in dialogo nella mostra personale “Gesti Universali”

Le sculture e la natura, unite dalla luce, dialogano nella splendida cornice della Galleria Borghese. Fino al 28 maggio 2023

Newsletter

NEWSLETTER

Resta in
contatto

Diventa una parte vitale della nostra community: iscriviti alla Newsletter ATMOSFERA.

Registrati

Leggi anche

Highlights

Sono trentuno le opere di Giuseppe Penone che si succedono nel percorso di visita alla Galleria Borghese, tutte realizzate tra gli anni Settanta e i primi Duemila. La mostra Gesti Universali, in programma fino al 28 maggio 2023, è l’epilogo del percorso di ricerca intrapreso due anni fa dall’istituzione: un viaggio tra arte, natura e paesaggio partito da Guido Reni a Roma. Il Sacro e la Natura, passando per Tiziano. Dialoghi di Natura e Amore, per proseguire con Meraviglie senza Tempo, una mostra dedicata alla pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento.

La Galleria Borghese si apre al contemporaneo esponendo all’interno delle sale e dei giardini le opere di uno dei principali esponenti dell’Arte Povera. Sottolinea la direttrice della Galleria Borghese, Francesca Cappelletti: «Con la mostra di Giuseppe Penone concludiamo la serie di mostre che da due anni cercano di comunicare al pubblico della Galleria Borghese la ricerca su arte e natura, su creatività dell’artista ed elementi naturali. Il percorso si svolge in maniera significativa da alcune sale del museo allo spazio esterno, consentendo al visitatore di mettere a fuoco relazioni fra la materia e il gesto dell’artista e riscoprire la potenziale alleanza fra l’essere umano e la natura nel ciclo del tempo».

1. Gesti Universali, Galleria Borghese. Immagini Courtesy of Arch. Egidio Ferrara

L’intreccio tra Uomo e Natura nelle opere di Penone

Le opere di Giuseppe Penone sono espressione della sua costante ricerca attorno al rapporto tra uomo e natura, alla simbiosi e alla fluidità che accomuna tutti gli elementi vegetali, umani e minerali. «Qualsiasi gesto che muta fisicamente un contesto si può considerare scultura. Un respiro si può considerare scultura perché modifica l’aria che lo circonda» ha dichiarato in merito l’artista. Nell’allestimento, la dimensione organica, che caratterizza fortemente l’opera di Giuseppe Penone, si innesta in quella minerale, fatta di marmi, sculture e decorazioni, ampiamente presenti nella Galleria Borghese. Il progetto espositivo è stato curato da Paolo Bertoncini Sabatini mentre all’architetto Egidio Ferrara è stato affidato il progetto illuminotecnico. La luce contribuisce in maniera chiara alla lettura di tutte le opere, sia dentro che fuori la villa. I Gesti Universali occupano anche alcuni dei “giardini segreti” della Galleria. 

2. Gesti Universali, Galleria Borghese. Immagini Courtesy of Arch. Egidio Ferrara

Luce sull’Arte Povera: il progetto illuminotecnico di Egidio Ferrara

Il Giardino della Meridiana (eccezionalmente aperto al pubblico) e quello dell’Uccelliera diventano luoghi in cui le opere di Giuseppe Penone trovano un’inedita connotazione spaziale. Ferrara non solo è riuscito a rendere fruibili i percorsi e gli spazi, normalmente privi di illuminazione artificiale, ma ha valorizzato, attraverso l’uso della luce, gli aspetti materici propri dell’opera del Maestro. Il bronzo, che rende in maniera unica la naturalezza di un tronco d’albero, la creta, che registra le impronte dell’artista, le piante che fanno da sfondo alle opere esposte, vibrano e vivono anche nelle ore serali, rendendo il percorso di visita una scoperta continua.

3. Gesti Universali, Galleria Borghese. Immagini Courtesy of Arch. Egidio Ferrara

Nelle sale interne il progetto illuminotecnico avvolge in una stretta relazione le opere contemporanee e la collezione permanente della Galleria. Nel salone d’ingresso, gli Alberi di Penone, scolpiti nel legno di cedro e abete, svettano quasi a raggiungere il soffitto affrescato. I nodi del legno, l’azione dello scortecciare, l’uso del mazzuolo, della sgorbia e dello scalpello, sono resi ben leggibili da una luce misurata e lieve. L’alloro dell’opera di Giuseppe Penone Respirare l’ombra si confronta direttamente con quello dell’Apollo e Dafne di Bernini, mentre l’Enea e Archise, sempre del Bernini, viene accostato alla vitalità della Pelle di marmo e spine di acacia e alla vibrante opera Pelle di cedro, con i suoi suggestivi contrasti e ombre.

4. Gesti Universali, Galleria Borghese. Immagini Courtesy of Arch. Egidio Ferrara

Read also..

maoo
Lampade di Design dalle forme inaspettate, per gli interni
Cosa hanno in comune una finestra, un gatto e un topo, un viso e un tubo di carta? Sono alcune delle lampade che sperimentano con il concetto di forma.
Read Article
1b
Nuova luce per il londinese Young V&A: il progetto di Speirs Major Light Architecture
In dialogo con la luce naturale, il lighting garantisce sicurezza e benessere nella grande piazza coperta, oggi cuore pulsante del museo dedicato ai bambini.
Read Article