Nanda Vigo, progettare con la luce

La luce, elemento centrale nelle opere di Nanda Vigo, riesce a trasformare spazi e oggetti in esperienze luminose straordinarie. La sua pratica artistica spaziò dalla progettazione di lampade a installazioni architettoniche, dimostrando un profondo interesse per la relazione tra la luce, lo spazio e la percezione umana.

Newsletter

NEWSLETTER

Resta in
contatto

Diventa una parte vitale della nostra community: iscriviti alla Newsletter ATMOSFERA.

Registrati

Leggi anche

Highlights

La poliedrica attività di Nanda Vigo, divisa tra arte, architettura e design, costituisce un progetto di vita unitario, svolto con grande determinazione e passione nel solco della modernità europea, disegnando un percorso che l’ha portata a diventare un’icona della cultura milanese e non solo. Partecipe delle avanguardie del secondo dopoguerra, ha sviluppato fin da subito una ricerca progettuale personalissima, incentrata sulla pura sorgente luminosa, con una speciale sensibilità e consapevolezza dei rapporti spaziali, della trasparenza e dell’immaterialità.

1. Nanda Vigo, Genesis Light, 2006, Galleria San Fedele, Milano - ph. Luca Casonato | Courtesy: Archivio Nanda Vigo

Nanda Vigo, nata a Milano nel 1936, è un’architetta, designer e artista. Ha studiato presso il Politecnico di Losanna e ha lavorato nello studio di Frank Lloyd Wright. La sua carriera ha avuto inizio con esperienze a San Francisco e Milano, e nel 1959, all’età di ventitré anni, ha fondato il proprio studio nella città meneghina.

2. Ritratto di Nanda Vigo per la copertina di Domus, 1985 - ph. Gabriele Basilico | Courtesy: Archivio Nanda Vigo

Il percorso personale di Nanda Vigo

Vigo comincia fin da subito a collaborare con i più importanti artisti e designer italiani del dopoguerra. Queste sinergie hanno dato vita a progetti unici e irripetibili, come la Casa Zero, la Casa Gialla, la Casa Blu e la Casa Nera. Queste residenze si caratterizzano per spazi aperti e liberi, per l’uso di materiali innovativi e approcci espressivi sperimentali

Vigo qui utilizza la tecnologia per creare strutture luminose, dinamiche e riflettenti, modelli chiaramente derivanti dalla sua ricerca artistica che sembrano però tuttavia illuminare tridimensionalmente le opere bidimensionali di artisti come Lucio Fontana ed Enrico Castellani.

3. Nanda Vigo, Atrio condominiale in via Palmanova, integrazioni plastiche con Lucio Fontana ed Enrico Castellani, 1964, Milano - ph. Casali_Domus | Courtesy: Archivio Nanda Vigo

Gli interni della Casa sotto la Foglia a Malo, progettati da Gio Ponti e finanziati dal collezionista Giobatta Meneguzzo, rappresentano invece un ambiente “totale” in cui l’arte, l’architettura e il design si fondono in un’esperienza spaziale unica. Ceramiche in grès bianche, luci al neon e pellicce sintetiche grigie contribuiscono a creare spazi stranianti e avveniristici enfatizzati da un’accecante luce perimetrale e da una continuità spaziale. 

Un altro esempio notevole della sua produzione artistica è l’Ambiente Spaziale Utopie, realizzato per la XIII Triennale. Questo ambiente riprende l’aspetto immersivo degli spazi bui senza utilizzare però forme scultoree, ma giocando sulla sola percezione tra le fonti luminose e le superfici curvilinee delle pareti. Questi progetti di interior design hanno seguito una linea parallela alla sua attività d’artista, espandendo così la sua ricerca spaziale e formale nell’ambito dell’architettura e delle arti visive.

4. Global Chronotopic Experience, 2018, San Celso, Milano, ph. Marco Poma | Courtesy: Archivio Nanda Vigo

Ad esempio, i Cronotopi, iniziati nel 1964, erano strutture tridimensionali che richiamavano la grammatica spaziale di Giuseppe Terragni e la sua propensione per catturare e riorganizzare la luce, evidenziando un chiaro interesse simile a quello degli artisti appartenenti al Movimento Azimuth e al Gruppo T.

Vigo: architetto e artista

Possiamo dunque dire che ci sono due Vigo. La prima è un artista appassionata, innamorata della luce e del colore, una devota dei grandi maestri, una frequentatrice di artisti, musei, libri e riviste. Una Vigo giovane, eternamente giovane, che si è formata a Taliesin West, per poi diventare allieva di maestri d’arte, frequentando Castellani e lavorando con Fontana.

In questo periodo Vigo è immaginifica, volitiva, vulcanica, dedita in somma parte al meraviglioso. Ama la luce e la tratta con l’attenzione di un artigiano e con l’invenzione d’un pittore. Questa prima Vigo è una scultrice d’immagini di luce, sognatrice e impetuosa, un passo sempre avanti con la felicità della fantasia.

5. Nanda Vigo, Abitazione privata, Castagnola (CH), 2015, zona notte - ph. Patrick Comiotto | Courtesy: Archivio Nanda Vigo

Poi c’è una seconda Vigo: rigorosa, paziente, determinata, inflessibile, inamovibile. Un architetto-artista che concepisce lo spazio come un luogo di estensioni e intenzioni, un’allieva bizzarra dell’avanguardia europea. Minimalista, ma con il peso della materia illuminata dalla luce. 

Una progettista di scuola Pontiana, sempre elegante e leggera, perché anche la seconda Vigo possiede, come la prima, la leggerezza di una nuvola. Ogni sua linea aspira a scomparire, e per farlo deve affondare nel mondo immateriale della luce, il suo ideale sarebbe quello di costruire nell’aria, di sospendere tutto per un attimo, un attimo che dura per sempre, usando come materia l’immaterialità della luce.

6. Nanda Vigo nella sua casa-studio mentre lavora al progetto di un casa privata, 2014, Milano, Courtesy: Archivio Nanda Vigo

Read also..

Persona - BFI
La luce nel cinema classico: volto e primo piano
Luci (e ombre) nelle produzioni cinematografiche della prima metà del '900 e la nascita del primo piano
Read Article
3 Bending-Spoons-Nomade-ph Simone Furiosi
Il Nuovo HQ di Bending Spoons a Milano: un’esplosione di luci e colori
Gli HQ milanesi firmati da Nomade Architettura sono a misura di impiegato: accoglienti, verdi, con spazi per socializzare e micro-sale per la concentrazione.
Read Article